28/04/17

La Juve ruba: ecco le prove

La Juventus ruba!

Non è un modo di dire, una balla o altro. E' la pura e semplice verità!

Volete le prove? Io le ho, eccole:

ATALANTA - JUVENTUS 2-2 (28 aprile 2017)

cross in area di rigore avversaria ---> Bonucci salta per colpire il pallone di testa ---> Bonucci viene però anticipato dal difensore avversario che salta, ma lo prende nettamente con la mano ---> l'arbitro fischia FUORIGIOCO

25/04/17

Sarri: che noia che sti rigori e sti arbitri

Dopo Zeman and company, ci mancava proprio Sarri, un altro che sa solo sparare a zero contro gli arbitri e, ovviamente, contro la Juventus.

Ogni partita ed occasione è buona per lamentarsi, senza avere paura di cadere nel ridicolo come nella partita (33^ giornata) disputata contro il Sassuolo: per lui e i suoi giocatori c'erano due rigori nettissimi. Peccato che nel primo caso, il difensore neroverde, Cannavaro, prende la palla di testa e non col braccio e che nel secondo caso Mertens venga anticipato per poi cadere a terra come un sacco di patate.

Non se ne può davvero più di questa gente che sa solo fomentare e aizzare odio verso lavoratori e colleghi.

23/04/17

Ottimo esordio per Mandragora

L'ancora 19enne Mandragora ha finalmente debuttato con la maglia della Juventus questa sera 23 aprile 2017 e l'ha fatto proprio contro la sua ex, ovvero il Genoa (5 partite nel 2014/2015)!

In questi pochi minuti allo J Stadium ha fatto vedere buone cose: una lancio fantastico, alla Pirlo oserei dire, e un tiro di sinistro dal limite dell'area.
Considerando l'età e la scarsa esperienza, direi che questo ragazzino ha personalità da vendere.

Chissà quanti di noi a 19 anni avrebbero osato fare queste due cose in A con la maglia della Juventus, rischiando di fare una figuraccia a livello globale, e facendo magari incazzare gente come Higuain che voleva il pallone anziché farci tirare?

21/04/17

Un po' di numeri sul MONACO

Il Monaco sta vivendo una stagione fantastica: 1° in Ligue 1 a pari punto col PSG, ma con una differenza reti nettamente migliore (+63 vs +46), in finale di Coupe de France (sfiderà il PSG il 26 aprile alle 21:05), finalista in Coupe de la Ligue (ha person 1-4 contro il PSG il 1° aprile) e semifinalista in CL dove affronterà la Juventus.

In campionato non perde dal 18 dicembre e viene da 6 vittorie consecutive (3 in trasferta).
In queste 6 partite ha subito soltanto 3 gol: 1 dal Guingamp, 1 dal Bordeaux e 1 dal Dijon.
Ha segnato 90 gol in 32 partite e nei principali 5 campionati europei di club, solo il Barcellona ha fatto meglio, ma di poco: 91 gol in 32 partite (diff. reti +61).

Statistiche in Champions League: 

in questa stagione (2016/2017), il Monaco in CL ha vinto 9 volte, pareggiato e perso 2 (1 sconfitta risale alla qualificazione estiva).
In queste 13 partite ha realizzato ben 28 gol, solamente in un'occasione non è andato a segno (Bayer Leverkusen-Monaco 3-0, 7 dicembre 2016), e ha subito 20 gol, subendone 0 contro il CSKA in casa (3-0, 2 novembre 2016) e contro il Villareal (1-0, 23 agosto 2016).

Vediamo i giocatori col valore economico più alto:

Bernardo Silva, 25 milioni (valore in salita)
trequartista, 9 gol e 10 assist quest'anno

Thomas Lemar, 20 milioni (valore in salita)
ala, 12 gol e 13 assist.

Fabinho, 20 milioni
mediano, 11 gol e 5 assist

Joao Mutinho, 15 milioni
centrocampista, 3 gol e 6 assist

Kamil Glik, 15 milioni
difensore, 7 gol e 2 assist

Falcao, 15 milioni
attaccante, 27 gol (5 in CL) e 5 assist

Djibril Sidibé, 14 milioni (valore in salita)
terzino destro, 3 gol e 7 assist

Jemerson, 11 milioni
difensore, 1 gol e 1 assist

Kylian Mbappé
attaccante esterno del dicembre 1998 (!!!), 22 gol e 11 assist
Senza una valutazione vera e propria, perché presto si scatenerà un'asta pazzesca su di lui, arrivando senza dubbio a toccare vette di 50 se non 70 milioni di euro!

19/04/17

LA JUVE PRENOTA BIGLIETTO PER CARDIFF

Incredibile!

Non era mai successa una cosa simile, almeno in epoca recente: 0 gol del Barcellona nel Camp Nou e 0 gol sia all'andata che al ritorno!

1 solo tiro in porta (Messi), 1 gran mangiata (sempre sua), 1 occasione mancata da Mascherano.

Questo il sunto del temibile Barca odierno.

Ciò significa solo una cosa: o la Juventus è davvero forte, e difensivamente parlando lo sappiamo tutto che è così, oppure il Barca non ha un allenatore (come dice Moggi) e non ha più fame, ma solo inconcludente classe.

18/04/17

Tripletta CR7 vs Bayern ma..

Il Bayern Monaco di Ancelotti e Vidal esce a testa bassa dal Bernabeu nonostante la vittoria, entro i 90 minuti, per 1-2.

Nei tempi supplementari, infatti, ecco 2 gol di Cristiano Ronaldo e 1 di Asensio.

In totale, per il portoghese, questa sera i gol sono ben 3, il che lo porta a diventare il leader maximo dei marcatori della storia della Champions in maniera sempre più netta: sono 103 le sue marcature!

Ma..

.. ma, come al solito, o quasi, i suoi gol sono alquanto banali: il primo è un colpo di testa in solitaria; il secondo un tiro dal centro dell'area, e anche qui era da solo; il terzo un gol a porta vuota (anche qui completamente da solo).

Bomber sì, ma non certo il più forte di sempre.

Tutto ciò tralasciando 2 gol in netto fuorigioco e l'ingiusta espulsione di Vidal.

I NUMERI DI JUVENTUS-BARCELLONA 3-0

Vediamo le statistiche del match di andata tra Juventus e Barcellona.

L'11 aprile 2017 la Juventus sconfisse 3-0 il Barcellona, con 2 gol nel primo tempo ad opera di Dybala (sempre col suo magico mancino) e con 1 gol nel secondo tempo di Chiellini (di testa).

Possesso palla:
J 32
B 68

Passaggi completati:
J 207
B 538

Passaggi nella trequarti avversaria:
J 88
B 201

Tiri:
J 14
B 16

Corner:
J 5
B 8

Falli:
J 21
B 18

Da questi numeri possiamo vedere un Barcellona che sicuramente ha creato e non s'è fatto intimorire. Per cui, nonostante questo roboante risultato, i catalani sono come sempre una squadra viva che sa creare occasioni da gol.

Vediamo ora alcuni dati riguardanti le posizioni di tiri e passaggi da parte della Juventus:

i tiri sono arrivati dalla zona centrale e da quella laterale destra, mentre dalla sinistra c'è stato un solo tiro (parato); 4 i tiri terminati fuori, 5 quelli parati. Nessuna punizione battuta verso la porta dei blaugrana.
Degli 88 passaggi effettuati, 58 hanno avuto successo; 8 di questi hanno creato occasioni da gol. Buffon ha compiuto 4 passaggi abbastanza ravvicinati, tutti precisi, e uno solo lontano, intercettato dagli avversari.
7 cross sono stati imprecisi, mentre 3 hanno avuto successo e 1 di questi ha portato al gol di Chiellini.
L'ottima prova dei bianconeri la ritroviamo anche nella fase difensiva, partendo dagli attaccanti, infatti nella metà campo avversaria troviamo 10 tackle, falliti soltanto 2.
In area di rigore 1 solo tackle (riuscito!).

Ora passiamo al Barcellona:

4 tiri in porta, ma molti di più fuori, almeno 10 se conto bene! Inoltre, altri 3 bloccati ai limiti dell'area bianconera.
Come abbiamo visto prima, il Barca ha effettuato molti più passaggi, ma oserei direi quasi a vuoto, infatti le azioni sono state molto avvolgenti, ma poco ficcanti. Tanti passaggi da destra e sinistra e non molta precisione in profondità, anche se troviamo un buon numero di chance create: almeno 10.
Zero precisione invece nei cross: 4 bloccati dai difensori della Juventus.
Sulla fascia destra, ovvero quella dove scorazzava Mandzukic, troviamo 1 solo tackle in difesa, mentre la fase difensiva ha avuto più successo sulla sinistra: 4 tackle su 5 riusciti.

17/04/17

Trasferimenti Milan dal 2010: in attivo o in passivo?

Vediamo le ultime sessioni di calciomercato dell'AC Milan, per vedere se negli ultimi 7 anni ha incassato soldi grazie ai trasferimenti o se, invece, ci ha rimesso.

2010/2011
Soldi entrati: 23 milioni 170 mila (Huntelaar 14, Storari 4.5, Ronaldinho 3, ecc.)
Soldi usciti: 41 milioni 700 mila (Robinho 18, Ibrahimovic 6, Sokratis 4.5, Vilà 4, Boateng 3, ecc.)
Totale: -18 milioni 530 mila

2011/2012
Soldi entrati: 22 milioni 300 mila (Borriello 10, Merkel 6.5, Sokratis 4, Aubameyang 1.8)
Soldi usciti: 53 milioni 850 mila (Ibrahimovic 24, El Shaarawy, 15.5, Boateng 7.5, Amelia 3.5, ecc.)
Totale: -31 milioni 550 mila euro

2012/2013
Soldi entrati: 94 milioni 500 mila (Thiago Silva 42, Ibrahimovic 21, Pato 15, Paloschi 6.5, Cassano 5, Acerbi 4, ecc.)
Soldi usciti: 55 milioni 650 mila
Totale: +38 milioni 850 mila

2013/2014
Soldi entrati: 17 milioni 900 mila (Boateng 10, Strasser 4, Salamon 3.4, ecc.)
Soldi usciti: 34 milioni 900 mila (Matri 11, Poli 9.7, Cristian Zapata 6, Saponara 4.8, ecc.)
Totale: -17 milioni

2014/2015
Soldi entrati: 28 milioni 500 mila (Balotelli 20, Cristante 6, Constant 2.5)
Soldi usciti: 20 milioni 600 mila (Bonaventura 7, Rami 4.25, Fernando Torres 3, Paletta 2.5, Suso 1.3, ecc.)
Totale: +7 milioni 900 mila

2015/2016
Soldi entrati: 13 milioni 550 mila (Saponara 4, Rami 3.5, El Shaarawy 3.4, ecc.)
Soldi usciti: 90 milioni 970 mila (Bacca 30, Romagnoli 25, Bertolacci 20, Luiz Adriano 8, Antonelli 4.5, Kucka 3, ecc.)
Totale: -77 milioni 420 mila

2016/2017
Soldi entrati: 15 milioni 550 mila (El Shaarawy 13, Verdi 1.5, Niang 0.75, Comi 0.3)
Soldi usciti: 28 milioni (Lapadula 9, Gustavo Gomez 8.5, José Sosa 7.5, ecc.)
Totale: -12 milioni 450 mila

TOTALE: -110 milioni 200 mila Euro!

Certe sessioni sono state veramente negative e, anche se compensate da abbonamenti, merchandising e diritti televisivi, bisogna aggiungerci le spese per gli ingaggi lordi.
Morale della favola: club decotto e vendita assolutamente necessaria.

16/04/17

I MIGLIORI GIOVANI CALCIATORI D'EUROPA

I GIOVANI CALCIATORI EUROPEI PIU' FORTI
NATI DAL 1995 IN AVANTI

SERIE A 2016/2017

JUVENTUS
Rolando Mandragora, mediano, 1997, 3 milioni
Federico Mattiello, terzino, 1995, 400 mila
Marko Pjaca, ala sinistra croata, 1995, 18 mil
Moise Kean, attaccante del 2000, 600 mila

INTER
Assane Gnoukouri, centrocampista ivoriano, 1996, 1 mil
Gabriel Barbosa, attaccante brasiliano, 1996, 20 mil

NAPOLI
Amadou Diawara, mediano guineano, 1997, 11 mil
Marko Rog, trequartista croato, 1995, 8 mil

ROMA
Gerson, trequartista brasiliano, 1997, 10 mil

MILAN
Gianluigi Donnarumma, portiere, 1999, 15 mil
Manuel Locatelli, centrocampista, 1998, 1.5 mil
Davide Calabria, terzino destro, 1996, 2.5 mil
Mario Pasalic, centrocampista croato, 1995, 4.5 mil
Alessio Romagnoli, difensore, 1995, 20 mil

LAZIO
Thomas Strakosha, portiere albanese, 1995, 1 mil
Keita Baldé, ala sinistra senegalese, 1995, 13 mil
Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista serbo, 1995, 9 mil
Ricardo Kishna, ala sinistra olandese, 1995, 3.8 mil

FIORENTINA
Federico Chiesa, ala sinistra, 1997, 500 mila
Bartlomiej Dragowski, portiere polacco, 1997, 3.2 mil
Kevin Diks, terzino destro olandese, 1996, 2 mil

TORINO
Sasa Lukic, mediano serbo, 1996, 700 mila
Lucas Boyé, attaccante argentino, 1996, 2.5 mil
Mattia Aramu, ala destra, 1995, 500 mila
Antonio Barreca, terzino sinistro, 1995, 1 mil

SASSUOLO
Pol Lirola, terzino destro spagnolo, 1997, 1.5 mil
Lorenzo Pellegrini, centrocampista, 1996, 2.5 mil
Luca Mazzitelli, mediano, 1995, 2 mil
Stefano Sensi, mediano, 1995, 4 mil

GENOA
Olivier Ntcham, centrocampista francese, 1996, 1.5 mil
Giovanni Simeone, attaccante argentino, 1995, 8 mil

UDINESE
Adalberto Penaranda, attaccante venezuelano, 1997, 4 mil
Simone Scuffet, portiere, 1996, 4.4 mil
Jakub Jankto, centrocampista ceco, 1996, 1 mil
Stipe Perica, attaccante croato, 1995, 2.5 mil
Seko Fofana, centrocampista francese, 1995, 3.5 mil

SAMPDORIA
Pedro Pereira, terzino destro portoghese, 1998, 1 mil
Lucas Torreira, mediano uruguaiano, 1996, 1.5 mil
Patrik Schick, attaccante ceco, 1996, 3 mil
Milan Skriniar, difensore slovacco, 1995, 1 mil
Karol Linetty, centrocampista polacco, 1995, 3.2 mil

ATALANTA
Franck Kessié, mediano ivoriano, 1996, 7.5 mil
Andrea Petagna, attaccante, 1995, 1 mil
Alberto Grassi, centrocampista, 1995, 4 mil

BOLOGNA
Umar Sadiq, attaccante nigeriano, 1997, 2.5 mil
Godfred Donsah, centrocampista ghanese, 1996, 6 mil
Adam Nagy, mediano ungherese, 1995, 1.5 mil

CAGLIARI
Nicolò Barella, centrocampista, 1997, 1.75 mil

EMPOLI
Federico Dimarco, terzino sinistro, 1997, 1.3 mil
Assane Dioussé, mediano senegalese, 1997, 4 mil
Andrés Tello, centrocampista colombiano, 1996, 900 mila
José Mauri, centrocampista, 1996, 4.5 mil

14/04/17

Finalmente Silvio se ne va via! Ma nessuno raggiungerà mai la Juventus!

Ora che Inter e Milan hanno dei nuovi ricchi proprietari (almeno, così ci hanno fatto credere, specialmente i rossoneri, perché su Suning penso non si possa discutere), sarà facile per loro acquistare grandi campioni a mani basse.

La differenza, però, tra loro e la Juventus sapete qual è?
Che i bianconeri hanno risalito la china poco per volta e soltanto per merito loro ora possono ingaggiare calciatori che vogliono 7 milioni circa netti l'anno.
Solo grazie ad anni in cui hanno vinto grazie all'organizzazione e alla determinazione di tutti i componenti del club. E questo è il bello del calcio e anche della vita: partire dal basso (Serie B) e toccare le stelle e rimanere lì in alto!

Intanto tutti stanno "piangendo" per l'addio di Berlusconi.
Poverino, se ne va incassando la modica cifra di 600 milioni circa.

Considerando che il Milan non ha una stadio, che viene da stagioni orrende e che ha una rosa modesta (escludendo i giocatori arrivati in prestito che quindi non fanno parte del patrimonio), direi che di fronte a questa cifra non poteva certo dire di no, considerando tutti i debiti che aveva (ricorda un po' il Silvio del 1993 che decise di "scendere in campo" proprio perché pieno zeppo di debito, alla faccia del grande businessman di successo).

Vediamo alcuni dettagli:
a Fininvest entrano 610 milioni; dal bilancio spariscono 220 milioni di debiti; il tesoretto della liquidità sale a 450 milioni. La Fininvest aveva bisogno come il pane di questo introito a causa dei 200 milioni spesi in azioni Mediaset.

11/04/17

Juventus mai doma! Juventus - Barcellona 3-0

Pazzesco, allo J Stadium è successa una cosa pazzesca: la vittoria della Juventus per 3-0.
Risultato grandioso e inaspettato, ma dopo il passaggio del turno in C. Italia ai danni del Napoli e dopo la sconfitta del Barcellona contro il Malaga, molti aveva avuto qualche presagio!

La Juventus, come al solito, non è stata spettacolare, ma c'è da dire che il Barca non ha fatto molto meglio: qualche bella triangolazione, ma niente di che. Molto possesso palla, superiore al 65% e finalmente abbiamo capito che il tiki-taka può essere una cosa stucchevole, cioè inutile se non irritante.

Quello che non comprendo è l'aver lasciato costantemente da solo Dybala.
E' grazie a questo ed altri errori che la Juventus ha vinto, anche se comunque la Joya ha fatto due grandissimi tiri col suo magico mancino.

05/04/17

Higuain l'EROE sconfigge la cafonaggine di Sarri & Co.

E chi se la sarebbe immaginata la fantastica doppietta di Higuain che ha sancito il passaggio del turno in Coppa Italia della sua Juventus?



Dopo il gol al J Stadium, 2 gol al San Paolo sono un qualcosa di spettacolare, specialmente se realizzati sotto una bufera di fischi irrispettosi.



I napoletani sono così provinciali che non smettono un secondo di condannare il "povero" Gonzalo reo di aver, udite-udite, cambiato casacca, azione effettuata da milioni di giocatori nel mondo, cosa che arricchisce non solo loro, ma anche i presidenti, tra questi troviamo De Laurentiis.



E allora di cosa stiamo parlando? Di fuffa!



Torniamo alla partita: se l'ultimo scontro in A mi ha fatto dormire, questa partita di C. Italia mi ha davvero entusiasmato, ma, oltre ai fischi, ci sono altre cose negative: la rissosità mal celata da parte di alcuni azzurri (per l'occasione bianchi) e l'antisportività loro e del loro allenatore Sarri. Cos'è successo? Cuadrado si ferma per i crampi. Neto butta il pallone fuori (non per errore, ma per scelta). Prassi vuole che gli avversari restituiscano la palla a chi ce l'aveva poco prima. E invece no! Dato che il Napoli doveva segnare e visto che mancavano pochi minuti al termine, ecco la geniale idea di Sarri: TENETE LA PALLA!



Ma vai a..




Juventus senza forza e senza idee. Complimenti al Napoli!

La Juventus degli ultimi tempi è una squadra veramente stanca, sfiacca, oserei dire anche scandalosa. Attenzione, non per via delle stupide accuse mosse contro il club, bensì per il suo modo di giocare.

Contro il Porto tutti i telespettatori si sono messi a ronfare, mentre contro il Napoli siamo rimasti svegli proprio grazie ai "folletti" partenopei.

Si fa presto a dire che Allegri e i suoi giocatori hanno optato a stancarsi poco in vista dei due super match contro il Barcellona in Champions League, ma una grande squadra, pur non potendo sempre vincere, deve comunque riuscire a mostrare la sua classe e le sue idee che, invece, mancano ai bianconeri.

E' un vero peccato che questo Napoli non possa più lottare in Europa!